Forma di risparmio: quando l’apparenza inganna

Hai iniziato ad accantonare qualche soldino in una forma di risparmio.

L’idea è quella di ritrovarti con un gruzzoletto che possa tornarti utile in futuro.

Chi Te l’ha proposta Ti ha assicurato che sarebbe stato un buon investimento e Tu gli hai concesso la Tua fiducia.

Del resto è una persona che conosci, per cui hai ben pensato che mai Ti avrebbe rifilato qualcosa di non valido.

Valutato il Tuo tenore di vita attuale, decidi di aderire alla forma di risparmio che Ti hanno proposto accantonando 150 euro al mese.

La cifra in questione NON Ti pesa.

L’idea di iniziare a crearti una certa tranquillità economica per i Tuo futuro Ti fa sentire anche più sereno.

Certo, sei consapevole che con molta probabilità dovresti fare ancora qualche piccolo sforzo, ma hai voluto iniziare con una cifra che NON vada ad impiccarti.

Del resto NON ha senso vivere oggi una vita di stenti per assicurarsi un futuro sereno.

Le scelte vanno ponderate e trovare un buon compromesso, in questi casi è sempre la cosa migliore.

Da questo momento in avanti, nella Tua testa il capitolo “risparmio” è una faccenda che hai sistemato.

Di certo se Ti dovesse contattare qualche altro “consulente” per proporti qualcosa di alternativo lo stopperesti dicendogli…

Sono già a posto, grazie, ho già una mia forma di risparmio!

Come darti torto…

Se dovessi ascoltare tutti quelli che Ti chiamano per proporti qualcosa di nuovo o di migliore rispetto a ciò che hai, NON vivresti più, per cui capisco che nella Tua testa quello possa essere un capitolo chiuso.

Ma se quella forma di risparmio che hai sottoscritto NON fosse valida?

Ci hai mai pensato anche solo per un istante?

Certo, la cifra che accantoni NON Ti pesa, ma l’idea di buttar via quel piccolo sacrificio che stai facendo, NON Ti manderebbe in bestia?

Ora Ti chiedo:

Poiché chi Ti ha proposto quella forma di risparmio, difficilmente sarebbe venuto a dirti che il proprio prodotto fa schifo o che sul mercato avresti trovato di meglio, quando vuoi accorgerti di aver fatto la scelta giusta?

Prenditi due minuti: Ti parlerò dell’esperienza di Sara e della sua forma di risparmio.

Anche Lei come Te pensava di essere a posto, ma la sorpresa ricevuta a seguito di un’analisi previdenziale, NON è stata certo delle migliori.

Sara aveva deciso di accantonare quasi 2.000 euro all’anno.

Per l’esattezza parliamo di 1.996,07 euro accantonati nella forma di risparmio che gli era stata proposta come “super valida”.

NON Ti farò nomi, ma stiamo parlando di un player molto importante sul mercato.

L’impegno preso con l’apertura di quella forma di risparmio era di accantonare quella cifra per i prossimi 31 anni, con l’ottica di ritrovarsi un gruzzoletto con cui integrare la pensione che sarebbe arrivata a percepire una volta uscita dal mondo del lavoro.

Analizzando il contratto, Sara sarebbe arrivata ad accantonare nell’arco di questa durata 61.878,17 euro.

La forma di risparmio in questione le garantiva un rendimento minimo annuo dello 0.50%.

Certo, NON tantissimo, ma sempre qualcosa in più del lasciare i soldi sul conto corrente.

Oltre a ciò il “venditore” le ha rimarcato il fatto di come negli ultimi 5 anni, il rendimento si sia attestato attorno ad una media del 3%.

Perché NON approfittarne allora?

Già, perché no…

Dove sta il problema?

Il problema di questa forma di risparmio (come quello di tante altre) sta in un’incognita che il “consulente” NON ha fatto notare alla nostra Sara.

Una piccola incognita chiamata “COSTI”.

Così piccola che, da contratto scritto nero su bianco (ma NON particolarmente evidenziato), avrebbe portato Sara ad ottenere la restituzione di un capitale garantito pari a 50.194,98 euro, contro i 61.878,17 versati.

Ben 11.683,19 euro in meno a fronte di un interesse minimo garantito dello 0,50%.

Questa “incognita costi” incide talmente tanto che, anche se la forma di risparmio avesse reso una media del 2% netto all’anno, in 31 anni avrebbe ritirato 55.952,07 euro, ovvero:

6.000,00 euro in meno di quelli accantonati, pur con un rendimento medio del 2% all’anno!

La morale di questo caso studio (e di molti altri che potrei riportarti)?

Che l’apparenza inganna.

NON sempre un “nome blasonato” corrisponde ad una certezza.

NON sempre dare per scontato che un proprio amico, parente o conoscente che sia, NON Ti rifili una sola (anche senza volerlo) è una buona scelta, ma…

… Purtroppo chi rappresenta una bandiera e deve vendere i suoi prodotti, questo non te lo verrà mai a dire.

2 thoughts on “Forma di risparmio: quando l’apparenza inganna”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *